Spiragli di luce anche in tempi difficili!

15.09.2021

È ormai noto a tutti che il nostro settore della carne sta ancora una volta vivendo un periodo ricco di sfide, sia a causa degli sviluppi nella società, sia in seguito alla recente estensione dei requisiti di certificazione determinati dalla pandemia, ma anche per via della stagione delle grigliate risultata finora piovosa; a tutto ciò si aggiunge la tensione crescente in alcune fasce della popolazione. Viceversa, si possono anche notare degli spiragli di luce assai importanti!

Uno di questi è costituito dalla recente assegnazio-ne del premio intitolato «Formatore professionale dell’anno» nell’ambito della manifestazione «Maestro di tirocinio dell’anno 2021», a Niklaus Jud, Benken SG, seguito al 2⁰ posto da Philip Fässler, Appenzello e Marco Zyka, Fislisbach AG – congra­tulazioni! In qualità di partecipante alla cerimonia di premiazione, è sempre un grande piacere e uno spettacolo allo stesso tempo vedere con quale entusiasmo i premiati svolgono il loro compito per i rispettivi apprendisti! Siamo indubbiamente tutti concordi sul fatto che anche nel nostro settore ci vorrebbero molti più esempi di questo tipo! Ora che è stato dato l’impulso, occorre recepirlo su vasta scala: si tratta di una consapevolezza che si sta facendo strada sempre più anche nelle grandi e medie imprese data la mancanza ormai drammatica di personale qualificato! Un altro punto culminante è il recente riconoscimento del Jambon de la Borne come primo prodotto
a base di carne AOP nel nostro Paese – un onore che al Boutefas è purtroppo ancora negato a causa di un ricorso pendente. A differenza dell’IGP, in cui una specialità deve essere prodotta, trasformata o raffinata in una determinata area, l’AOP richiede che tutte e tre le condizioni di cui sopra siano soddis-fatte in modo cumulativo. Proprio per questo motivo, ­ottenere un AOP rappresenta un ostacolo particolare, che ora è stato superato con successo dopo anni di sforzi da parte dei richiedenti e, ad eccezione dell’Italia, costituisce una rarità a livello mondiale. Complimenti! Siamo convinti che gli sforzi stiano finalmente iniziando a dare i frutti desiderati. Come dimostrano gli esempi descritti, anche in tempi difficili vi sono sempre degli spiragli di luce che si possono recepire senza pregiudizi e la cui energia positiva deve poi essere inserita anche nelle attività private o professionali!

Ivo Bischofberger, presidente
Ruedi Hadorn, direttore

 
 
 
 
 

Unione Professionale Svizzera della Carne UPSC · Sihlquai 255 · Casella postale · 8031 Zurigo · Tel. +41 44 250 70 60 · Fax +41 44 250 70 61 · info(at)sff.ch

Swiss Meat People